BTC: 8,110 € ETH: 205 €
“La Sud Corea non vieterà il trading di criptovalute”, sostiene il Ministro delle Finanze

“La Sud Corea non vieterà il trading di criptovalute”, sostiene il Ministro delle Finanze


Questo è un momento sicuramente burrascoso per il mondo delle criptovalute, con una capitalizzazione globale che è passata dai massimi degli oltre 830 miliardi di dollari raggiunti il 07 Gennaio 2018, ai circa 500 miliardi attuali e con dei volumi di mercato che se rapportati al livello di capitalizzazione corrente risultano essere estremamente contenuti.

E’ molto probabile che il susseguirsi delle recenti notizie negative abbia influito in maniera determinante in questa flessione generale del mercato, a partire dalla notizia relativa alla Corea del Sud, dove il ministro delle finanze aveva annunciato regolamentazioni molto stringenti se non addirittura un possibile divieto del trading sulle criptovalute; fino ad arrivare al caso di Tether, che assieme all’exchange Bitfinex, è stata citata in giudizio dai regolamentatori americani, e dovrà ora dimostrare di possedere 2,3 miliardi di dollari come riserva di valuta fiat in contropartita agli USDT emessi.

Proprio al riguardo della Corea del Sud, è stata da poco rilasciata una dichiarazione da parte del ministro delle finanze, che afferma che non vi è alcuna intenzione di vietare o sopprimere il mercato delle criptovalute.

Tuttavia, il vice presidente della Financial Services Commission (FSC), Kim Yong-Beom ha affermato per mezzo dei media locali, che i trader non potranno effettuare versamenti su conti virtuali in criptovalute a meno che l’intestatario del conto corrente bancario da cui proviene il versamento non corrisponda all’intestatario dell’account presente nell’exchange di destinazione.

Questa misura è stata adottata per offrire al governo il pieno controllo sull’ammontare delle criptovalute scambiate in tutto il paese.

La Corea del Sud è senz’altro un mercato molto importante per quanto riguarda Bitcoin e il trading sulle criptovalute. Gli investitori Coreani e di tutto il mondo saranno certamente sollevati dalla nuova posizione assunta dal governo e confidano che le future regolamentazioni non vadano semplicemente a sopprimere ma piuttosto a rendere più sicuri e trasparenti gli investimenti in questo nuovi e interessanti mercato.


Il Portale non intende in nessun modo sollecitare alcun tipo di investimento da parte dei lettori. Le indicazioni fornite non vanno assolutamente intese come consigli di tipo finanziario. Per maggiori informazioni vedi le condizioni d'uso.